Stampaggio a caldo Ottone, Alluminio, Bronzo, Rame, Argento

Stampaggio a caldo: cos’è

Lo stampaggio a caldo è una tecnica che produce pezzi grezzi in metallo (ottone, rame, acciaio, alluminio, bronzo, argento etc..) mediante una trasformazione plastica a caldo.

Il pezzo metallico viene scaldato, portato a temperatura adatta allo stampaggio e trasformato in qualcos’altro.

Durante la trasformazione lo stato molecolare cambia e non mantiene più le stesse caratteristiche fisiche e meccaniche.

Si differenzia da altri tipi di lavorazione del metallo come ad esempio la pressofusione, l’asportazione del truciolo, la forgiatura e la sinterizzazione.

Quali sono i vantaggi rispetto ad altri tipi di lavorazioni?

  • ALTA RESISTENZA MECCANICA. Il materiale lavorato con lo stampaggio a caldo ha maggiore resistenza meccanica dovuta alla compattazione delle molecole. Per questo motivo i pezzi vengono usati in mezzi di trasporto dove la sicurezza ricopre una parte importante: automobili e aerei.
  • RISPARMIO DI MATERIALE. Rispetto ad altri procedimenti, lo stampaggio a caldo consente un risparmio di materiale in quanto la bava e lo strato metallico che deve essere scartato per la lavorazione, è inferiore alle materozze del processo di fusione.

Quali sono le fasi dello stampaggio a caldo

La fase dello stampaggio si divide in queste fasi:

FASE 1. TAGLIO DEGLI SPEZZONI. Gli spezzoni di metallo vengono tagliati a seconda del diametro e della massa con l’ausilio di troncatrici e segatrici automatiche. La lunghezza deve essere il più possibile vicina alla forma finale per evitare sprechi di materiale.

FASE 2. STAMPAGGIO. Il processo è realizzato tramite linee composte da bilancieri a frizione con potenze da 150 ton a 800 ton, generalmente asserviti da appropriati forni con robot di trasferimento. Il bilanciere consente la trasformazione dello spezzone riscaldato ad un’opportuna temperatura tramite la pressione veloce di due mezzi stampi posti verticalmente, uno fisso sulla parte inferiore e uno mobile posto sulla mazza battente. Dopo il colpo viene estratto il prodotto, incluso il materiale superfluo (bava). Il pezzo è pronto per la fase successiva di tranciatura.

FASE 3. TRANCIATURA. Utilizzando delle presse da 20 ton a 100 ton asportiamo il materiale in eccedenza (bava) trafilandolo con i relativi stampi.

FASE 4. CALIBRATURA. Con questo termine si definiscono tutte quelle eventuali operazioni effettuate prima o dopo la fase di tranciatura per ottenere la conformità dimensionale/geometrica del pezzo (ortogonalità, planarità)

 

Stampaggio a caldo metalli ottone alluminio
Stampaggio a caldo Alluminio Ottone Ferro
Stampaggio a caldo ottone

Ottone

Stampaggio a caldo alluminio

Alluminio

Stampaggio a caldo acciaio

Acciaio

Stampaggio a caldo rame

Rame

Hai un prodotto da realizzare in metallo?

Ti aiutiamo dalla progettazione alla realizzazione finale.

Siamo specialisti della micropressofusione di zama e dello stampaggio a caldo.

CHIEDICI UN PREVENTIVO

Alluminio, Ottone, Zama, Ferro, Bronzo, Rame, Acciaio